IL REGISTRO DELLE ATTREZZATURE

Ne parlava il DPR n.37 del 12 gennaio 1998 DPR 1 agosto 2011, n. 151 ” Regolamento recante semplificazione della disciplina dei procedimenti relativi alla prevenzione degli incendi, a norma dell’articolo 49, comma 4-quater, del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n. 122″

Il DPR 151/11 spiega molto chiaramente che i controlli, le verifiche, gli interventi di manutenzione e l’informazione devono essere annotate in un apposito registro a cura dei responsabili dell’attività. E tale registro deve essere mantenuto aggiornato e reso disponibile ai fini dei controlli di competenza del Comando.  Il registro è un promemoria di ciò che è stato fatto riguardo alla manutenzione sulle attrezzature.

Si evince pertanto che l’obbligo di adottare il registro dei controlli antincendio è solo a carico dei titolari di attività che non rappresentano luoghi di lavoro quali, ad esempio, edifici civili, autorimesse, impianti per la produzione di calore condominiali. Invece, per i luoghi di lavoro, soggetti all’applicazione del decreto legislativo 9 aprile 2008, n.81 non è necessario adottare il registro dei controlli in quanto la disciplina degli stessi è già regolamentata dallo stesso D.Lgs. 81/08.

Il registro delle attrezzature deve essere redatto per ottemperare alle prescrizioni di legge previste dalla normativa antincendio, DM 10/03/98 (art.4 e All. VI) e DPR n.37/98 (art 5, punto 2), nonché dalle specifiche norme di prevenzione incendi per gli edifici scolastici (DM 26/08/92, punto 12).

Su tale registro vanno annotate quindi le verifiche, i controlli e le operazioni di manutenzione su sistemi, attrezzature ed impianti antincendio, nonché l’attività di informazione e formazione antincendio dei lavoratori.

L’attività di controllo e di verifica nonché la compilazione delle relative schede, riguarda:

    1. estintori;

    2. idranti;

    3. porte REI ed uscite di sicurezza;

    4. luci di emergenza;

    5. dispositivi di primo soccorso;

    6. pulsanti di sgancio corrente elettrico o interruttore generale;

    7. pulsanti di allarme – rilevatori incendio.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*